English

Deutsch

VIBRAZIONE UTENSILE: 13 MOTIVI CHE CAUSANO IL PROBLEMA

 

Se hai aperto questo articolo basandoti sul titolo, significa che in passato hai sperimentato questa situazione, o che probabilmente la stai sperimentando ora senza aver trovato una soluzione efficace.

Tutti sappiamo quanto l’argomento vibrazione utensile sia complesso.

Tanto è vero che quando la vibrazione inizia a diventare “il problema” della nostra giornata la tensione sale in modo rapido.

Questo problema è vissuto in modo molto negativo, perché davanti alla vibrazione utensile molte volte ci sentiamo impotenti, non abbiamo sotto controllo la situazione e questo ci rende nervosi e ci spinge spesso a fare scelte sbagliate nel tentativo di risolvere la situazione.

Oltre a questo, non ti racconto nulla di nuovo dicendo che produrre componenti con presenza di vibrazione ha molti aspetti negativi, e nessuno positivo. Riporto di seguito i più comuni:

  • SCARTO DEL PEZZO PERCHÉ NON CONFORME

  • RIDUZIONE DELLA DURATA DELL’UTENSILE

  • ROTTURA DELL’UTENSILE 

  • USURA PRECOCE DELLA CUSCINETTERIA MACCHINA

  • AUMENTO FERMI MACCHINA

  • PERDITA DI PRODUZIONE

  • RALLENTAMENTO DEI PARAMETRI DI TAGLIO COME SOLUZIONE TEMPORANEA

  • FRUSTRAZIONE PERSONALE A CAUSA DELLA SITUAZIONE NON SOTTO CONTROLLO.

Oltre a questi aspetti negativi, a ben vedere, la vibrazione dell’utensile induce stress nelle relazioni tra le persone coinvolte in questo problema.

Tipicamente, dal reparto qualità viene segnalata la problematica al reparto di produzione che, ovviamente, ferma tutto e da qui inizia una serie di analisi infinite atte a risolvere la cosa nel modo più rapido possibile. Perché in modo rapido?

Perché, come è noto, dalla logistica si sollecita la data di consegna promessa al cliente e questo crea altro stress. Come ciliegina sulla torta arriva poi il commerciale che benedice tutti con la tipica frase:

ECCO IO TROVO I CLIENTI E VOI COSÌ LI FATE SCAPPARE!

Continua a leggere ...

IL MULTICENTER CONQUISTA ANCHE HARLEY DAVIDSON

Eccoci sul Giornale nella sezione Economia!

 

Flessibilità  360 gradi.

È questo il motto sposato da Porta Solution, l’azienda di Villa Carcina che alcuni anni fa ha lanciato sul mercato il rivoluzionario Multicenter, una specie di <<tranfer flessibile>> particolarmente adatto per produzione di lotti medio-piccoli (ma non solo).

La macchina ha riscosso un successo sui mercati internazionali. Nel 2016 ha conquistato una buona fetta del mercato statunitense.

Continua a leggere ...

INCONTRIAMOCI IN FIERA A PARMA

Ciao!

Sarò presente alla fiera MECSPE di Parma da Giovedi 23 a Sabato 25 Marzo presso lo stand PORTASOLUTIONS  nel Padiglione 3 stand E69 per illustrarti tutte le ultime novità sulla FLESSIBILITÀ PRODUTTIVA e le evoluzioni del progetto INDUSTRIA 4.0 che sto portando avanti.

TI REGALO L’INGRESSO ALLA FIERA…

Inserisci tutti i tuoi dati qui sotto e otterrai l’ingresso gratuito offerto da me!

Continua a leggere ...

DIFFERENZIATI E VINCI!

Voglio farti notare come il centro di lavoro ha una presenza massiccia nell’industria. Infatti, ha invaso chilometri quadrati di reparti in tutto il mondo, è una delle macchine più diffuse a livello globale.

Ora, se TUTTI hanno a disposizione questa tecnologia, lasciami indovinare … anche il tuo concorrente avrà uno o più centri di lavoro.

Quando ti scontri con i tuoi concorrenti, se produci bene o male lo stesso prodotto, ti vai a scontrare a grandi linee sui seguenti punti, per poter avere qualche possibilità di prendere il lavoro.


TU E IL TUO CONCORRENTE VI COMPORTATE
PIÙ O MENO NEL SEGUENTE MODO:

Nell’acquistare uno o più CENTRI DI LAVORO, l’istinto è quello di LOTTARE per poter ottenere il miglior prezzo con una negoziazione fino all’ultimo sangue, mettendo in concorrenza numerosi costruttori e sperando di aver pagato meno le macchine grazie alle tue abilità.

Continua a leggere ...

PRODURRE LOTTI DA 500 A 5000 PEZZI: LA TATTICA VINCENTE!

 

Oggi vincere la sfida del produrre su ordinazione lotti medio-piccoli è sempre più importante. Infatti, se per le due estremità del mondo della produzione le tecnologie sono chiare, per il “mondo di mezzo” si possono fare errori devastanti.
Guardiamo alle estremità cosa succede per meglio capire come approcciarsi nel “mondo di mezzo”.

 GRANDI VOLUMI: MACCHINE TRANSFER

BASSI VOLUMI: CENTRI DI LAVORO

Per la prima famiglia dei grandi volumi, la macchina transfer resterà sempre la macchina d’eccellenza. Più volume ho, più parallelizzo le operazioni con tante unità di lavoro, per ottenere un tempo ciclo da Formula Uno!

Continua a leggere ...