English

Deutsch

LA VIA PER LA SEMPLIFICAZIONE

In un mondo sempre più complesso la parola d’ordine per superare i vari ostacoli è SEMPLICITÀ.

Molto spesso capita che adottiamo sistemi e metodi macchinosi che ci complicano ancor di più la vita invece che rendercela più semplice.

Oggi ti voglio illustrare come la nuova potente interfaccia del MULTICENTER ti aiuta a semplificarti la vita!

L’obiettivo della nuova interfaccia è l’utilizzo di TECNOLOGIA dove la parola TECNOLOGIA, se ben applicata, deve rispondere alla seguente frase.

TECNOLOGIA: SEMPLIFICARE SISTEMI COMPLESSI

Ora ti spiego come è nata questa idea di sviluppare un’interfaccia rivoluzionaria.

Prima di partire a progettare questa nuova interfaccia, abbiamo stretto una partnership con un nostro cliente dove abbiamo chiesto di poter visionare per una settimana tutti i movimenti e le operazioni che l’operatore esegue.

Dopo aver raccolto i primi dati, a seguire, c’è stato un incontro con gli operatori, nel corso del quale, abbiamo concordato di tracciare su un foglio Excel anche le operazioni di manutenzione macchina.

Una volta completata la raccolta dati, sono state organizzate in modo organico tutte le azioni intraprese dal personale di produzione e dal personale di manutenzione, dando delle priorità in base alla frequenza delle operazioni.

Abbiamo notato che gli operatori impiegavano del tempo per verificare i seguenti argomenti:

  • SISTEMA EVACUAZIONE TRUCIOLI

  • STATO CAMBIO UTENSILE

  • STATO TAVOLINE SATELLITARI

  • SISTEMA DI LUBRIFICAZIONE MODULI

  • SETTAGGIO ATTIVAZIONI OPZIONALI E TEMPI

  • RICERCA INFORMAZIONI MANUALE ISO

QUESTE OPERAZIONI FACEVANO PERDERE
TEMPO PREZIOSO DI PRODUZIONE!

Andiamo con ordine, ti spiego nel dettaglio – uno ad uno – questi punti e come sono stati risolti attraverso la nuova interfaccia.

SISTEMA EVACUAZIONE TRUCIOLI

Il personale era impegnato ad intervenire sul sistema di evacuazione trucioli e sistema alta pressione per capire come mantenerlo efficiente e, in caso di fermata, individuare la possibile causa, ma, purtroppo, questa seconda fase aveva dei tempi a volte lunghi.

Per rendere il sistema semplice e veloce all’operatore, sono stati implementati più sensori ed è stato sviluppato un sinottico grafico per dare la situazione in tempo reale all’operatore senza doversi muovere dal pannello macchina, ed ecco il risultato qui sotto.

image1

Come puoi vedere dal sinottico grafico qui sopra, senza andare a cercare attorno alla macchina le cause, direttamente dal pannello principale, puoi capire esattamente lo stato del sistema evacuatore trucioli e alta pressione.

STATO CAMBIO UTENSILE

Un altro punto per il quale l’operatore impiega del tempo prezioso sono i cambi utensili dei 3 moduli di lavoro.

Anche qui abbiamo sviluppato con la stessa logica un sinottico grafico in modo da non obbligare l’operatore a cercare attorno alla macchina lo stato dei finecorsa o cercare all’interno dell’armadio elettrico il segnale per capire lo stato.

Oltre ai vari segnali, c’è anche un contatore CICLO CAMBIO UTENSILE (vedi in basso a destra), che tiene monitorato lo stato della molla pinza presa utensile perché deve essere inserita nel piano di manutenzione preventiva, evitando fermi macchina all’ultimo momento senza preavviso.

image2

Come puoi vedere, questo sinottico è dedicato per ogni modulo, infatti in basso, vedi che ora è selezionato il modulo 1.0, si notano i pallini verdi che indicano lo stato attivo del finecorsa (ON), mentre quelli spenti indicano lo stato OFF del finecorsa.

STATO TAVOLINE SATELLITARI

Andando avanti con questo approccio, abbiamo analizzato anche le 4 tavole satellitari e il pallet principale.

Come vedrai sotto nell’immagine, per ogni tavola satellitare ci sono due elettrovalvole con relativi finecorsa. La prima elettrovalvola è quella che gestisce l’aggancio del sistema di rotazione tavolina una volta arrivata in stazione, la seconda gestisce il freno idraulico di bloccaggio tavolina.

In basso trovi il cambio pallet principale con relativa valvola di blocco/sblocco idraulico.

image3

Come vedi tutto è molto intuitivo e, ancora una volta, non c’è bisogno di accedere alle aree interessate smontando carter e perdendo tempo per capire in che stato si trovano i finecorsa.

SISTEMA DI LUBRIFICAZIONE MODULI

Anche il sistema di lubrificazione centralizzato è stato reso semplice in modo grafico utilizzando dei pressostati digitali, così da rendersi conto se le linee di lubrifica stanno funzionando al meglio e sono piene d’olio.

image4

Inoltre si può visualizzare il funzionamento della pompa e relativi livelli d’olio.

SETTAGGIO TEMPI

Dalla raccolta dati, è emerso che quando si esegue un cambio produzione, l’operatore spesso doveva variare, in base al pezzo da produrre, alcuni settaggi, come ad esempio la frequenza di “stop and go” del trasportatore trucioli in base al tipo di truciolo prodotto, oppure il “Tool Monitor” (rottura utensili), o ancora abilitare la Doppia fase (A-B) in caso di pezzo prodotto in due fasi.

Tutti questi settaggi ora sono disponibili in una pagina e vengono salvati con il programma pezzo, in modo che l’operatore non debba ricordarsi ogni volta che cambia pezzo di regolarli e anche in caso di più operatori e turni di lavoro, non viene a mancare la comunicazione tra operatori che spesso provoca danni.

image5

…e a seguire la sotto pagina dove si possono impostare i tempi per ogni elemento…

image6

RICERCA INFORMAZIONI MANUALE

Altro punto che è emerso da questa raccolta dati è stato la ricerca da parte dell’operatore di informazioni sulla programmazione. Per questo motivo abbiamo reso disponibile il manuale digitale all’interno dell’interfaccia: è possibile consultarlo a video, oppure mandare in stampa il manuale completo o solo la parte che interessa.

image7

Anche i vari schemi macchina come impianto idraulico, elettrico, e così via sono disponibili tutti in formato digitale. A seguire l’esempio dello schema elettrico.

image8

TUTTO SEMPLIFICATO TRAMITE UN POTENTE SINOTTICO

Con questo metodo hai visto che non serve perdere tempo girando attorno alla macchina per capire lo stato dei vari elementi ma guardando semplicemente il pannello principale della macchina stando con i piedi incollati nello stesso posto.

La vera ciliegina sulla torta è che tutta questa informazione, visto che è disponibile sul pannello, tramite una connessione internet riusciamo a remotarla e renderla disponibile a più persone.

Cosa intendo? Che se durante il turno di notte un operatore addetto al solo carico e scarico del pezzo ha dei problemi e non riesce a superarli perché non istruito, qualcuno, tramite un iPad da remoto, può capire cosa sta succedendo e guidare l’operatore per la ripartenza senza doversi recare fisicamente in azienda.

Già da anni offriamo il servizio TELEASSISTENZA ai nostri clienti, dove in sostanza i nostri softwaristi specializzati possono entrare nella logica macchina e capire lo stato dei vari elementi per indirizzare il cliente a individuare la causa.

ORA IL SALTO DI QUALITÀ

L’obiettivo è stato progettare e realizzare una potente interfaccia che permetta al cliente in modo semplice, senza essere un softwarista specializzato, di potersi connettere con la macchina e capire i vari stati nelle diverse aree della macchina, aprendo così una nuova via: LA TELEASSITENZA PER NON ADDETTI!

ALTRA NOVITÀ: CON TUTTI QUESTI DATI DIGITALI A DISPOSIZIONE ECCO LA PAGINA PIÙ APPREZZATA!

image9

Questa pagina in automatico raccoglie tutti i dati digitali e automaticamente genera un report, completo di data, ora e tipo di allarme, una sorta di scatola nera uguale a quella che troviamo sugli aerei.

La schermata sopra aiuta in modo concreto ad individuare le mancate ore di produzione in modo da focalizzarsi sulle principali cause.

IL MULTICENTER OGGI HA UNA POTENTE INTERFACCIA
PER SEMPLIFICARE AL MASSIMO L’UTILIZZO

Se sei curioso e vuoi approfondire l’argomento andando più nel dettaglio, basta che inserisci i tuoi dati qui sotto, in modo di ricevere il manuale di uso interfaccia così come viene consegnato ad un cliente che acquista la MULTICENTER 3MANDRINI.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Maurizio Porta
Esperto Nella Produzione Flessibile