English

Deutsch

ECCO PERCHÉ NON MI DEVI CONTATTARE!

 

Ho deciso di scrivere questo articolo per cercare di chiarire perché il MULTICENTER NON FUNZIONA in certe situazioni. La questione è che mi arrivano molte richieste per le quali il MULTICENTER non è adatto.

Perdere tempo in due non è una buona cosa, entrambi per quanto possiamo impegnarci abbiamo un limite: IL TEMPO.

Il tempo è un fattore indifferente per tutti, lo definirei quasi un fattore democratico.

Nella società, sia il barbone di strada che l’attore famoso, che l’atleta o il super milionario dispongono della stessa quantità di tempo.

Visto che il tempo è denaro per tutti e, quando arriva una richiesta devi esaminarla e, qualora non vi sia la fattibilità, impostare una risposta spiegando il perché non è l’ideale, ho deciso di affrontare questo problema. In questo modo, se magari rientri in uno di questi casi non perdi tempo tu per primo e di conseguenza io.

Come puoi immaginare il MULTICENTER ha una fascia di mercato e di applicazioni che sempre più si sta ampliando per 6 motivi che ti elenco immediatamente:

  1. SEMPRE PIÙ RICHIESTE DI PRODURRE LOTTI MEDIO PICCOLI (LEAN PRODUCTION)

 

  1. I CLIENTI VOGLIONO ABBATTERE I MAGAZZINI E PRODURRE VELOCEMENTE SOLO IL VENDUTO.

 

  1. DAL 2005 AD OGGI (13 ANNI) GRAZIE ALLA SERIE, ABBIAMO MANTENUTO GLI STESSI PREZZI.

 

  1. CON PREZZI COMPETITIVI, PIÙ AZIENDE SI POSSONO PERMETTERE QUESTO INVESTIMENTO.

 

  1. L’AFFIDABILITÀ RISPETTO AL PASSATO É AUMENTATA GRAZIE ALLA SERIE.

 

  1. CONSEGNE RAPIDE, MEDIAMENTE 3/4 MESI PER LA 3MANDRINI E 5/6 MESI PER LA 5MANDRINI.

Queste sono appunto le 6 ragioni che hanno fatto aumentare la richiesta di MULTICENTER.

In questi mesi stiamo investendo in infrastrutture come carriponte e nuovo personale tecnico nel reparto assemblaggio per aumentare del 40% la capacità di montaggio delle macchine.

Ora che conosci le 6 ragioni del perché la macchina sta avendo successo, ti elenco le 12 ragioni per le quali non mi devi nemmeno chiedere informazioni per non perdere tempo in due!

ECCO PERCHÉ NON MI DEVI CONTATTARE !

Questo elenco nasce da una collezione di richieste che mi sono pervenute.

Per lo più sono richieste che clienti hanno formulato dopo aver sbirciato sul sito web le nostre macchine.

  1. IL MULTICENTER NON É ADATTO A LAVORARE INGRANAGGI .

 

  1. IL MULTICENTER NON É UN TORNIO, PUÒ FARE DELLE TORNITURE, MA PRINCIPALMENTE É UNA MACCHINA DI FRESATURA, FORATURA FILETTATURA.

 

  1. IL MULTICENTER NON É ADATTO A LAVORARE MATERIALI PLASTICI.

 

  1. IL MULTICENTER NON É ADATTO A PRODURRE STAMPI.

 

  1. IL MULTICENTER NON É ADATTO A PRODURRE COMPONENTI AL DI FUORI DI 250mm CUBI (ABBIAMO DELLE VERSIONI 400mm E 600mm), OLTRE NO.

 

  1. IL MULTICENTER NON É ADATTO AD ASSEMBLARE COMPONENTI.

 

  1. IL MULTICENTER NON É UNA MACCHINA DI LAVAGGIO E SGRASSAGGIO PEZZO.

 

  1. IL MULTICENTER NON É UNA RETTIFICA. QUESTE OPERAZIONI, SE NECESSARIE, VENGONO ESEGUITE A SEGUIRE SU UNA MACCHINA SPECIFICA.

 

  1. IL MULTICENTER NON FUNZIONA CON MILIONI DI PEZZI DA PRODURRE. PER QUESTO CI SONO LE MACCHINE TRANSFER.

 

  1. IL MULTICENTER NON FUNZIONA SE NON SAI E NON VUOI IMPARARE IL LINGUAGGIO ISO DI PROGRAMMAZIONE.

 

  1. IL MULTICENTER NON É UNA MACCHINA PER TUTTI E PER TUTTO!

 

  1. IL MULTICENTER NON É LA TUA SOLUZIONE SE NON HAI ALMENO 550.000 EURO DA INVESTIRE.

SE NON HAI ALMENO 550.000 EURO DA INVESTIRE IL MULTICENTER NON É LA TUA SOLUZIONE.

Forse potrei aver offeso qualcuno elencando questi punti ma, onestamente parlando, è veramente inutile che tu mi contatti se hai queste necessità.

Ho elencato i più comuni che mi vengono chiesti, tralasciando quelli più fantasiosi che magari un giorno ti elencherò ma solo per farci sopra una sana risata.

Potresti ritrovarti nella situazione in cui non sei ancora pronto a confrontarti perché hai ancora dubbi, o paure, o non sei convinto del tutto leggendo questo articolo.

In questo caso prima di un confronto diretto ti consiglio di procurarti il libro “FLESSIBILITÀ PRODUTTIVA”, un libro di 200 pagine che tratta questi ed altri argomenti del produrre in modo flessibile.

Ho scritto questo libro per condividere concetti e idee utili con le persone che sono in qualche modo inserite nel mondo della lavorazione di particolari a disegno, tramite asportazione di truciolo, con la finalità di risultarti di aiuto e di stimolo per affrontare le nuove sfide.

NEL MONDO DELLA PRODUZIONE, E NON SOLO, DAL 2008 TUTTO É CAMBIATO.

Molte aziende hanno dovuto inventarsi nuovi modi di proporsi e non sono pochi i casi di coloro che si sono purtroppo arresi di fronte a situazioni di mercato a dir poco spaventose.

Tipicamente, i paesi asiatici, in particolar modo la Cina, si è presentata in questo settore con prezzi molto aggressivi, spietati, non solo dettati dalla bassa manodopera, ma anche da aiuti governativi, facendo terra bruciata attorno alle nostre aziende storiche che da anni operavano nei settori della produzione di particolari a disegno.

Tutta questa nuova situazione ha fatto sì che le aziende storiche, per poter mantenere le quote di mercato conquistate con anni di lavoro, hanno dovuto applicare la scorciatoia più veloce, ma anche quella più pericolosa, dell’abbassare il prezzo di vendita andando ad azzerare la quota di profitto o addirittura a lavorare sottocosto.

Questo modo di operare ha purtroppo portato molta sofferenza economica alle aziende, che poi, inevitabilmente, si è tramutata in una sofferenza occupazionale diventando un problema sociale, con il risultato che molte aziende hanno ridotto i volumi o addirittura abbassato la saracinesca.

Come costruttore di impianti di alta produzione dal 1958, quando mio padre iniziò questa avventura, fino a prima del 2008, per ben 50 anni, ho potuto appurare che c’è stata una corsa sempre più frenetica alla produzione di impianti più prestanti, più veloci, dove il dato importante era la produzione oraria dei componenti.

Ogni nuovo modello di macchina utensile veniva esaltato poiché aumentava sempre più questa prestazione.

COME É POSSIBILE ESSERE NUOVAMENTE COMPETITIVI AL GIORNO D’OGGI DOPO CHE LE TIGRI ASIATICHE HANNO
SFERRATO IL LORO ATTACCO SENZA PIETÀ?

Di certo non ti voglio convincere che con l’ottimismo si superano tutte le difficoltà, infatti non basta fare un corso di motivazione per caricarsi e sperare nell’ottimismo.

Se sei nel settore, capirai benissimo che un raccordo di ottone per il giardino, dove la qualità e l’applicazione è veramente basilare, sarà ben difficile che venga prodotto con grande successo in Europa battendo la concorrenza cinese.

Allo stesso tempo, una gran parte di altri prodotti possono essere realizzati adottando un approccio diverso dal solito che per anni si è adottato. Le nuove sfide sono produrre solo il venduto e non produrre a magazzino.

PRODURRE SOLO IL VENDUTO E NON A MAGAZZINO

Questo permette di ridurre il valore di magazzino e tutti i costi legati ad esso. Produrre solo il venduto, di per sé, piace a molti come idea, ma devi affrontarlo con i giusti strumenti.

Rispondere rapidamente alla clientela con lotti medi, per intendersi da 100 a 5.000 pezzi, è una bella sfida che i Cinesi non possono vincere!

Detto ciò, il libro vuole essere un aiuto ad esaminare tutte quelle tematiche legate alla produzione, o meglio alla Produzione Flessibile, infatti è da questo concetto che il mio lavoro prende il nome.

Da oggi puoi impegnarti a capire modi diversi per poter competere nel mondo della produzione, senza tagliarti le vene con il prezzo di vendita che i paesi asiatici ti impongono in modo sleale.

ECCO ALCUNE TESTIMONIANZE DI CHI HA MESSO IN PRATICA IL MIO SISTEMA “FLESSIBILITÀ PRODUTTIVA”:

KOMET AUSTRIA

 

“ECCO COSA IL MULTICENTER MI HA RISOLTO!”

Di seguito ho fatto 3 domande ad un mio cliente che utilizza il MULTICENTER.

A proposito, facciamo nomi e cognomi, perché ci sono troppe testimonianze inventate di sana pianta dove si elogiano i prodotti, ma casualmente non esiste mai la possibilità di verificarle e questa cosa frutto di marketing da fantascienza spaziale, mi scoccia parecchio!

Perché? Eh… Perché alla fine di queste testimonianze, non c’è nessun firmatario, non si sa chi è questo cliente super soddisfatto e in nome della privacy non si può sapere… Ma che bella trovata all’italiana!

ALLORA IO COSA HO FATTO?

Ho semplicemente posto le 3 domande e chiesto se potevo pubblicarle come testimonianza (rispettando la privacy) con tutti i riferimenti del caso in modo che chiunque, anche tu, possa contattare il testimonial a verificare quanto scritto!

Ecco le mie 3 domande e le 3 risposte esattamente come mi sono arrivate da parte del cliente:

1) Che problema incontravi prima di avere a disposizione il MULTICENTER?

“Avevamo un centro orizzontale e non riuscivamo ad affrontare il volume di lavoro. Abbiamo tanti particolari e lotti relativamente piccoli, dunque per affrontare la mole di lavoro avremmo dovuto acquistare due ulteriori centri di lavoro, il che significava aggiungere anche più personale per fare girare le macchine. Poi abbiamo scoperto il MULTICENTER!”

2) Come hai risolto questo problema grazie al MULTICENTER?

“Con il Multicenter siamo riusciti a spostare tutto il lavoro di fresatura su una macchina, in quanto il tempo di lavorazione per particolare si è ridotto a circa il 30% rispetto ad un centro di lavoro ad un mandrino.”

3) Quali risultati positivi hai ottenuto utilizzando il MULTICENTER?

“Il vantaggio maggiore del Multicenter per noi é stato senz’altro il fatto che con lo stesso personale siamo riusciti a fare fronte al volume di lavoro senza assumere altri tecnici.

Altro vantaggio era il fatto che una macchina occupa meno spazio di tre macchine risparmiando così spazio in officina. Attrezzato un particolare per la prima volta, gli attrezzaggi successivi si rendono veloci e facili.”

Arno Drechsel
Titolare

KOMET AUSTRIA
JULIUS DURST STR. 10
9900 LIENZ

AUSTRIA
www.kometirrigation.com

CAVAGNA GROUP DIVISIONE OMECA

“PRODUCIAMO LOTTI DA 500 PEZZI IN SU CON UN METODO VINCENTE!
Prima di avere a disposizione il MULTICENTER dovevo fare il pezzo in più riprese con i seguenti problemi:

– AMMACCATURE
– SPESSORI CRITICI
– PROBLEMA DELLE BAVE

Grazie al MULTICENTER abbiamo avuto la possibilità di poter ottimizzare il ciclo per poter risolvere i problemi legati a qualità e tempo ciclo. Oltre a questo, la macchina permette di riattrezzare da un pezzo ad un altro in 15 minuti, grazie alla grande disponibilità di utensili a magazzino che rimangono sempre presenti. Infatti, il riattrezzaggio consiste solo nel cambio morsetti.”

Giuliano Pintossi
Responsabile Reparto Produzione

CAVAGNA GROUP S.P.A. – DIVISIONE OMECA
VIA STATALE 11 / 13
25010 CALCINATO – PONTE SAN MARCO (BRESCIA)

www.cavagnagroup.com

F.LLI TOGNELLA


Ecco la frase che sintetizza ciò che questo cliente ha come obiettivo:

“Produciamo “nel nostro paese” ciò che vendiamo nel mondo, e la personale attività dei proprietari ne è la migliore garanzia.

Da 50 anni, Tognella spa si propone con i suoi prodotti in diversi settori e, comunque, ovunque vi siano fluidi da regolare e controllare. Nello specifico Tognella spa produce valvole di regolazione oleo idropneumatiche.

Prima di avere a disposizione il MULTICENTER riscontravo l’impossibilità di lavorare in un’unica soluzione le sei “facce” del mio pezzo con alcune forature inclinate.

Grazie al MULTICENTER adeguatamente attrezzato posso lavorare le sei “facce” e utilizzare utensileria standard.

Il MULTICENTER ha risolto la lavorazione di alcune famiglie di pezzi con tempi che mi consentono di parlare di “Produttività”.”

Ferruccio Tognella
Titolare – Direttore Tecnico 

F.LLI TOGNELLA S.P.A.
VIA GOITO, 60
21019 SOMMA LOMBARDO (VARESE)
www.tognella.it

KUEHR

“Siamo un’azienda specializzata in conto lavorazioni, la nostra competenza si può riassumere nell’essere efficienti nella produzione di piccoli e medi lotti di particolari ad alta precisione in Alluminio, Rame, Ottone e Titanio. Prima di avere il MULTICENTER avevamo costi di lavorazione alti e tempi di consegne lunghi.

Quando abbiamo installato il MULTICENTER, abbiamo ridotto gli scarti, siamo molto più veloci a consegnare e i costi di produzione si sono abbattuti grazie alla velocità di riattrezzaggio.

Con Il MULTICENTER abbiamo ottenuto dei risultati positivi avendo aumentato la qualità del pezzo finito e velocizzato la produttività. Oggi Possiamo offrire ai nostri clienti delle consegne più veloci, a prezzi più competitivi!”

Dr. Alexander Ostertag
Titolare e Amministratore Delegato

KÜHR GESELLSCHAFT M.B.H.
IZ-N.Ö.-SÜD, STRASSE 3, OBJ. 35
A-2351 WIENER NEUDORF

AUSTRIA
www.kuehr.com

MI.GA.L.

“I pezzi che lavoriamo sulla MULTICENTER sono pezzi solitamente da centro orizzontale.

Su un centro per compensare i cambi utensili e per avere un tempo ciclo “decente” posizionavamo più pezzi per cubo, e questo, dato che sono pezzi stampati o fusi creavano problemi di ripetibilità’.

Il MULTICENTER avendo 3 centri di lavoro, risoluta competitivo a livello di tempo ciclo già con uno o due pezzi per cubo semplificando le attrezzature e in particolare il loro costo.

La stessa cosa per attrezzare la macchina prima di iniziare una produzione, il controllo di 16pz o di 24pz per cubo allungava i tempi di avvio, oggi con il MULTICENTER i pezzi massimi che noi carichiamo sono due a pallet, velocizzando così notevolmente la fase di attrezzaggio.

Un’altra vantaggio è la possibilità di carico e scarico con robot che con un centro di lavoro non è possibile se non investendo 20/25 volte in più la cifra per la costruzione delle attrezzature, e di conseguenza una riduzione importante del personale.

La flessibilità di gestire il ramp up e il ramp down di un pezzo, nel senso che prima che un pezzo vada a regime su un transfer ci sono dei lotti più piccoli e pre-serie da fare che su un transfer non sono gestibili con costi ridotti come si hanno oggi con il MULTICENTER, idem per il pezzo che sta uscendo di serie, solitamente quando è a fine vita si fanno lotti solo da utilizzare come “parti di ricambio” utilizzando le attrezzature che si usavano sul transfer.”

Fabio Ghidini
Production Manager

MI.GA.L. S.R.L.
VIA ANGELO GITTI, 18
25060 MARCHENO (BRESCIA)
www.migal.it

OMB SALERI

“Il Multicenter si sta inserendo ottimamente nel contesto produttivo OMB, soprattutto ci permette di ragionare e operare di fronte a piccoli lotti usando una logica di reparto e non di singola macchina… ergo non sono più costretto a fermare o interrompere commesse grandi per far posto alle piccole richieste, perché adesso posso contare sul Multicenter.”

Alessandro Ronchi
Production & Lean Manager

OMB SALERI S.P.A.
VIA ROSE DI SOTTO 38/C
25126 BRESCIA
www.omb-saleri.it

Il libro ti aiuterà a capire meglio le tecniche, i modi per poter diventare rapidamente competitivo in questo nuovo mercato che ha imposto nuove sfide a tutti i settori.

Con il Primo Libro che ti introduce ai Benefici della Produzione Flessibile Scoprirai il Metodo per Diventare Competitivo Subito Senza Rischi o Investimenti Sbagliati Anche se Sei Negato.

  • Capirai come eliminare tutti gli errori commessi dal 99% degli imprenditori, prima di acquistare una macchina utensile.
  • Scoprirai il segreto per cambiare produzione in 5 minuti.
  • Scoprirai come costruire in poco tempo, risparmiando denaro, un business vincente!

Se dopo aver letto il libro ti sarai convinto, sarò a tua disposizione per un confronto diretto per esaminare le tue richieste e proporti delle soluzioni.

Per ricevere il libro FLESSIBILITÀ PRODUTTIVA clicca qui!

Maurizio Porta
Esperto nella Flessibilità Produttiva